Home > Responsabilità sociale > La cultura del Wellness

La cultura del Wellness

 
1 2

Oggi tutti parlano di Wellness. Governi, Istituzioni internazionali, imprese, ricercatori, scienziati, economisti, policy makers sono sempre più concentrati sulla Cultura della prevenzione improntata ai stili di vita e sui loro benefici per le persone, per l’economia e per la società. 25 anni fa non era così. Quando, nel 1993, Nerio Alessandri iniziò a parlare di Wellness, il resto del Mondo parlava di fitness. L’approccio edonistico e della bellezza aveva il sopravvento su quello della Salute e della prevenzione delle malattie. Problemi come l’obesità, la sedentarietà, il diabete, i tumori e le malattie croniche non erano ancora percepiti come emergenze globali, mentre oggi sono in cima all’agenda delle priorità di Governi, imprese e cittadini. 

Nel 1993 Nerio Alessandri intuisce che la prevenzione è l’unica strada possibile per uno sviluppo sostenibile di lungo periodo, e lancia il Wellness, lo stile di vita che unisce regolare esercizio fisico, sana alimentazione e un approccio mentale positivo alla vita. Nello stesso anno Nerio Alessandri dà vita al 1° Wellness Congress, un evento internazionale che riunisce i massimi esperti di esercizio fisico, alimentazione, sport, cultura, salute, economia e società per promuovere il Wellness come opportunità sociale ed economica.

Una tradizione iniziata da Technogym e che dal 2003 è portata avanti dalla Wellness Foundation con l’obiettivo di fare del Wellness un patrimonio comune dell’umanità ed offrire un contributo concreto alla risoluzione di alcune delle principali emergenze sociali e sanitarie del nostro tempo.

Il Wellness Congress si propone oggi come appuntamento internazionale che analizza gli scenari presenti e indica i modelli futuri, le soluzioni più innovative ed efficaci per creare un vero e proprio “ecosistema del Wellness”, perché non ci può essere un Pianeta prospero e sano senza persone sane.